mercoledì, Giugno 19, 2024

Suggestioni Quiet Luxury

Lusso discreto ed elegante

Sussurro

L’evoluzione del lusso: dall’ostentazione al sussurro.

Avete mai notato come tutto diventi più elegante e ammaliante quando qualcuno vi sussurra i suoi pensieri nell’orecchio? È il fascino di una dichiarazione senza esibizione.

Il Quiet Luxury affonda le sue radici nella moda, ma si è rapidamente e concretamente diffuso in ogni ambito del design.

Giorgio Armani dichiara: «l’eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare».

E se lo dice il grande Maestro, che ha fatto della classe il suo inconfondibile segno distintivo, possiamo ipotizzare esista in ogni luogo della creatività uno stile non ostentato che, pur regalando sottili dettagli di lusso, sia riconoscibile senza essere sfacciato, stregare senza pavoneggiarsi.

I guardaroba sono quindi formati da capi di altissima qualità, ma allo stesso tempo sostanziali, convertiti a una tendenza sofisticata e decisamente raffinata.

Nella moda viene interpretato quindi come uno stile sobrio, a tratti essenziale, una versione di lusso completamente libera da eccessi e vistosità.

Allo stesso modo nel design di interni e nell’arredamento il Quiet Luxury si fa portatore di un lusso che va letto tra le righe; non considera l’opulenza come un valore aggiunto, ma un’ostentazione sfarzosa ormai priva di motivo d’essere. Una vecchia cultura da sostituire con una raffinatezza più ricercata.

Nei contesti abitativi contemporanei, in particolare in quelli di quest’anno, troviamo quindi una tendenza d’arredo lussuosa ma delicata, un’estetica che ha reso la lettura del Quiet Luxury come preponderante.

Stile classico, discrezione, una palette di colori neutri, una grande attenzione ai materiali e alla qualità elevatissima della fattura, definiscono il nuovo stile nell’internal design.

L’home decor ha quindi intercettato questa tendenza, sfruttando tutte le peculiarità caratterizzanti e rendendolo il trend di quest’anno.

Un lussuoso bisbiglio che percorre tutta la casa e, senza essere notato, rende tutto più attraente, attraverso dettagli che si perdono nel contesto e creano un fil rouge di significato, pur non essendo apertamente percepito.

Troviamo forme arrotondate e dolci, con un’estetica dal gusto vintage e allo stesso tempo popolata da forti caratteristiche minimal; oggetti senza tempo che rendono gli ambienti semplici e nitidi. Infatti, anche accessori e decorazioni sono ridotte al minimo, per non sovraccaricare gli spazi e mantenere una pulizia stilistica ordinata e lineare.

Rimanendo all’interno della grande teoria del “less is more”, il Quiet Luxury si ottiene anche attraverso l’affiancamento di pezzi d’arredo importanti che non strillano mai la loro individualità, ma si armonizzano al resto dell’arredo, rinunciando all’ostentazione di una bellezza superficiale, e contribuendo a rendere unico e ineguagliabile l’insieme.

Perché a volte un sussurro discreto riempie lo spazio intorno a noi più di mille parole.

Il “possedere lo stretto indispensabile” deve essere vissuto come un’occasione di arricchimento e non come rinuncia, proprio grazie alla qualità di oggetti durevoli e fondamentali.  

Other Articles