giovedì, Luglio 18, 2024

Oh là là, Paris!

Parigi è una città a dimensione di turista. Le sue strade, i suoi monumenti, i giardini e gli edifici sembrano creati appositamente per ammaliare chiunque. Ogni scusa è dunque buona per organizzare un viaggio alla scoperta della Ville Lumière.

Prima di partire è sempre comodo organizzare un piano di viaggio completo dei luoghi più interessanti, i musei da scoprire, i migliori quartieri da visitare e, perché no, anche i piatti tipici da degustare in modo da poter vivere al meglio la città più romantica d’Europa.

In questo ultimo periodo Parigi è sicuramente una delle mete più quotate in quanto non dista molto dal nostro paese e sono presenti numerose offerte di voli low cost.

Partiamo dal simbolo indiscusso della città, la Torre Eiffel. Si tratta di un monumento interamente realizzato in ferro che ad oggi conta più di sette milioni di visitatori all’anno! Salire in cima alla torre è un’esperienza unica e la si può raggiungere in due modi: tramite l’ascensore o percorrendo la scala che ha ben 1.665 scalini. L’orario in cui il sole tramonta è il momento perfetto per raggiungere la cima in quanto da lì si può godere di una vista a 360 gradi della città che, illuminata dalle luci arancio del tramonto, risulterà ancora più spettacolare.

Sempre ubicato nel centro della città troviamo il museo del Louvre famosissimo per i dipinti come La Gioconda di Leonardo da Vinci e La libertà che guida il popolo di Delacroix e sculture come la Venere di Milo risalente all’antica Grecia. Per i più appassionati di arte sarà sicuramente un’esperienza formativa che si articola nei 160.000 metri quadri che ospitano la vastissima collezione di opere. Quest’ultima segue un orientamento tematico all’interno di varie zone dello spazio espositivo: antichità orientali, egizie, greche, romane ed etrusche, storia del Louvre, Louvre medievale, pittura, scultura, oggetti d’arte, arte grafica e arte islamica. Si tratta indubbiamente di un museo imperdibile anche per coloro che non sono appassionati di arte.

Camminando negli arrondissement (ovvero i quartieri in cui è suddivisa la zona centrale di Parigi) e godendo del clima parigino, impossibile non capitare davanti all’imponente Arco di Trionfo: con i suoi 50 metri di altezza è uno dei simboli principali di Parigi che fu fatto costruire da Napoleone per celebrare le sue stesse vittorie. L’Arco di Trionfo è stato testimone di innumerevoli momenti storici, come il trasferimento del corpo di Napoleone nel 1840 e le sfilate militari delle due guerre mondiali. Questo monumento è dunque pregno di storia come lo è la città che lo ospita.

Al centro della città troviamo ottimi bistrot e brasserie, in cui fare una breve sosta e godere dei tipici piatti della cucina francese.Tra i cibi salati possiamo assaporare un’ottima omelette, le escargot o una fetta di quiche lorraine; tra i cibi dolci, le crêpes, i macarons e il pain au chocolat.

Riprendendo il tour alla scoperta della città, situato nel Quartiere Latino, troviamo il Pantheon la cui costruzione fu realizzata fra il 1764 e il 1790. Nel corso della storia ricoprì differenti ruoli: da fini religiosi a fini patriottici, a seconda del regime politico vigente. Con la Terza Repubblica, in concomitanza con i funerali di Victor Hugo, il Pantheon accolse al suo interno le salme di personaggi illustri. Il Pantheon è indubbiamente uno dei luoghi imprescindibili in un viaggio a Parigi. Sia l’esterno che il suo maestoso interno meritano d’essere visitati.

Spostandoci verso zone più periferiche, a circa un’ora di auto da Parigi, troviamo la reggia di Versailles che si trova appunto nel comune di Versailles. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità più di trent’anni fa, è uno dei palazzi più famosi del mondo, non soltanto per la sua imponente architettura e per i suoi grandi e curati giardini, ma anche perché costituisce una parte importante della storia della Francia. Luigi XIV fu il primo a trasformare e ampliare la residenza e da allora vari furono i monarchi che si succedettero sul trono abbellendo gradualmente il palazzo.

Non vi resta che preparare le valigie e partire alla scoperta delle bellezze di Parigi!

Other Articles