giovedì, Dicembre 8, 2022

Let’s keep it fusion

Ho avuto la fortuna di viaggiare molto, di vedere e assaggiare cibi di svariate cucine del mondo. 

Credo che la cucina fusion sia particolarmente interessante perché sa abbinare più stili insieme. Colori e sapori si incastrano e si completano per realizzare ricette inaspettate. Sorprendenti. 

Ed è su questa filosofia che si basano le tre proposte di luglio.

Spaghetto fritto con gamberoni e maionese bicolore

Un antipasto leggero e gustoso per le tue serate con gli amici o per una cena romantica.  Potrai anche sostituire i gamberoni con dei calamari gigliati o del polipo al vapore.

ph©Alberto Bacchin

Per la base di questo piatto dovrai scaldare dell’olio di semi in una padella, aprire la confezione degli spaghetti e tuffarli direttamente nell’olio per 2 minuti circa; non avrai nemmeno necessità di asciugarli. 

I gamberetti una volta sgusciati li cuocerai al vapore così da fargli mantenere tutto il sapore del mare (qualora usassi prodotti congelati, ti consiglio di farli scongelare in acqua fredda salata al 3%, così da farli ritornare all’origine).

Ora impiatta aggiungendo qualche puntino di maionese addizionata con della rapa rossa passata al frullatore ad immersione.

10 g di spaghetti 

5 gamberi a testa 

Per la maionese:

1/4 di rapa bollita 

1uovo

200 ml di olio di semi di mais

1 cucchiaino di aceto di vino bianco

1/2 succo di limone

1 pizzico di sale

Rainbow gyoza

Questo piatto prima che con il gusto ti conquisterà con i suoi colori. Un vero arcobaleno sulla tua tavola.

ph©Alberto Bacchin

Puoi fare diverse varianti per il ripieno come maiale, pollo o verdure. Scegli in base ai tuoi gusti e a quelli degli ospiti.

Questi ravioli cinesi sono un’evoluzione della ricetta classica importata poi in Giappone e Corea.

Per l’impasto dei gyoza dovresti usare della farina di riso, ma se sei alle prime armi ti consiglio di unirla a della farina 00, così da rendere più facile la lavorazione. In una ciotola versa dell’acqua molto calda e lentamente aggiungi le farine precedentemente unite fino a ottenere un composto liscio — se non vuoi farti imboccare per mangiare, all’inizio dovrai lavorare il composto con un cucchiaio… vista la sua temperatura lavica!

Riponi il panetto in frigo per un’oretta, poi stendi l’impasto e ricavane dei dischetti. Se vuoi complicarti la vita, dividi il panetto in tre parti, poi amalgama ciascuna con un ingrediente diverso: con gli spinaci per il verde; con la rapa per il rosso; e con poca passata di pomodoro giallo per l’ultima parte rimasta. 

A questo punto inserisci il ripieno e chiudi a tua fantasia — magari nel prossimo numero posterò delle foto sulla chiusura tipica. 

Metti in una padella un filo d’olio e fai rosolare il fondo dei ravioli. Una volta dorati versa un bicchiere d’acqua e copri fino a fine cottura (in genere 4/5 minuti).

100 gr di farina 00

90 gr d’acqua calda

1 pizzico di sale

Per il ripieno:

400 gr di macinato di maiale passato 2 volte

1 cipollotto

Fiori di zucca fritti

Sono particolarmente legata a questa ricetta perché quando mia mamma mi avverte che li farà per pranzo io sono la persona più felice del mondo.

ph©Alberto Bacchin

Lei inizia a friggere e non smette più. Dice sempre che ne ha fatti troppi, ma alla fine non ne resta nemmeno uno.

Mio padre puntualmente mi vuole convincere ad assaggiarli cosparsi di zucchero, ma io li amo solo con il sale.

La mamma ha un segreto che ora vi svelerò: mettete i fiori di zucca in acqua 3/4 ore prima di friggerli. Questo permetterà ai fiori di essere più turgidi e creerà uno shock termico durante la cottura che li renderà croccanti e non unti.

In un bicchiere da mixer metti la farina, l’acqua frizzante molto fredda, un po’ di lievito e un cucchiaio di farina per polenta. Mixa il tutto e lascia riposare 5 minuti in frigo. Ora non dovrai far altro che immergerci i fiori, strizzarli un po’ e tuffarli in abbondante olio caldo. Il resto è solo emozione.

3 fiori di zucca grandi a persona 

acqua e ghiaccio 

Per la pastella:

150 g di farina 0

150 g d’acqua frizzante fredda

1 cucchiaio di farina di mais

1 rosso d’uovo

1 pizzico di sale

Other Articles