domenica, Settembre 24, 2023

¡Hola Barcelona!

Rambla, Boqueria, Sagrada Familia non vi dicono nulla? Chiaramente stiamo parlando della ispanica Barcellona. 

Capoluogo della Catalogna situata nella parte orientale dello Stato. Scopriamola!

Barcellona è la seconda città della Spagna per numero di abitanti dopo la capitale Madrid. Polo cosmopolita e sede di molteplici eventi mondiali come ad esempio le Olimpiadi estive del 1992, e le esposizioni internazionali del 1888 e del 1929. È una delle maggiori città turistiche europee grazie al suo porto, indispensabile anche per gli scambi commerciali. 

Il primo luogo da visitare (e anche uno dei più famosi) è assolutamente la Sagrada Familia, l’edificio ecclesiastico più grande del mondo. La sua costruzione iniziò nel 1882 per mano dell’architetto Del Villar, che in seguito (solo un anno dopo) affidò la continuazione dei lavori ad Antoni Gaudì. Dopo una storia travagliata durata più di cento anni, è stata fissata la fine dei lavori entro il 2026. La struttura conta più di 4,5 milioni di visitatori all’anno. 

Spostandoci verso nord-est, a circa due chilometri dalla Sagrada Familia, troviamo Parc Güell, un giardino famoso principalmente per i suoi coloratissimi mosaici e per le salamandre, situato nel quartiere Gràcia. La sua superficie è di 15 ettari e fu commissionato da Eusebi Güell (membro di una nobile e ricca famiglia di Barcellona) ad Antoni Gaudì nel 1900. Gaudì ha potuto così esprimere le sue idee architettoniche ispirate alla natura, creando un grande giardino in perfetto stile britannico. 

Spostandoci a sud della Sagrada Familia dapprima troviamo Casa Milà e Casa Batllò, entrambe costruzioni dei primi anni del ‘900. La maggior parte degli edifici di Barcellona sono stati progettati da Gaudì e questi non fanno certamente eccezione. 

Casa Milà è chiamata anche La Pedrera, che in catalano sta a significare “La Cava”. Si tratta di un complesso di appartamenti dallo stile aspro e questa sua caratteristica non soddisfaceva assolutamente gli standard architettonici dell’epoca. Quando fu costruito le forme non angolari delle camere rendevano difficile affittare gli appartamenti. Ad oggi è una delle maggiori attrazioni turistiche della città e ospita un museo con mostre temporanee. 

Casa Batllò è invece un complesso di 8 case divise su quattro piani. Un capolavoro colorato che ora ha un valore di 70 milioni di euro. Come Casa Milà è situata nella via dello shopping Passeig de Gràcia nel quartiere Eixample.

La struttura di Casa Batllò è tutta ondulata e arrotondata e questo ricorda proprio le onde del mare. È un classico esempio di modernismo catalano, stile caratteristico della città di Barcellona che vede tra i suoi maggiori esponenti proprio Antoni Gaudì. La facciata è rivestita da mosaici il cui tema riporta a San Giorgio, “l’uccisore di draghi” per eccellenza e personaggio molto importante nella storia della città. La struttura dell’edificio “rappresenta” infatti un drago: le colonne al piano terra sembrano le gambe dell’animale e il tetto a mosaico ondulato la spina dorsale squamosa. 

Continuando nella passeggiata ci troveremo a camminare lungo La Rambla: viale lungo 1200 metri, ad oggi zona più trafficata di Barcellona, un tempo il letto asciutto di un fiume. Il viale è costeggiato da enormi platani e ospita bancarelle di fiori, artisti di strada e statue umane. Zona vivace, ricca di movida notturna, possiede un’ottima posizione centrale che permette ai visitatori di raggiungere i maggiori luoghi d’interesse della città. 

Concludiamo il giro turistico all’interno del Mercato della Boqueria (detto anche Mercat de Sant Josep de la Boqueria) situato nel cuore della Rambla. È visibile grazie alla sua gigantesca struttura in ferro caratterizzata, all’entrata, da un gigante logo colorato. Qui si combinano alla perfezione l’aspetto turistico e quello locale, e all’interno del mercato si trova qualsiasi prodotto gastronomico dalla frutta al pesce, dalle tapas ai prosciutti e molto altro. 

Colorata, frizzante, vivace e pregna di storia: solo Barcellona sa regalare tutto ciò!

Other Articles