giovedì, Febbraio 29, 2024

Astrologia 

Il nostro libretto delle istruzioni

Mi è capitato spesso di parlare di Astrologia davanti a parecchie persone, tenendo io stesso una conferenza o ascoltando quella di altri. In tutti i casi mi sono accorto della disinformazione che, per forza di cose, pervade le persone non preparate su questo argomento.  Vorrei quindi impegnare lo spazio riservatomi, per cercare di chiarire i punti principali di confusione che ho riscontrato più di frequente. Allora non parlerò di Astrologia, ma cercherò di parlare sull’Astrologia.

La prima cosa che salta agli occhi, ascoltando discorsi inerenti all’Astrologia, fatti da persone inesperte, è quella che si può definire come Identificazione con il proprio segno zodiacale: il fatto, cioè, di simpatizzare immediatamente con quelle persone che appartengono al nostro segno, con conseguente tentativo di screditare quelle che invece appartengono a un segno “antipatico”. 

Un modo di agire del tutto paragonabile al pregiudizio verso sconosciuti solo perché portano nomi di battesimo più o meno cari o simpatici. Facciamo un esempio: se il nome Luciano è legato alla nostra memoria per un fatto spiacevole causatoci da una persona con questo nome, partiamo subito prevenuti quando incontriamo qualcun altro che si chiama così. Con i segni zodiacali succede la stessa cosa ed è logico anche capire che si sta commettendo un errore. Né la cultura popolare né la stampa, anche quella specializzata, aiutano a chiarire le idee perché tutti, e dico tutti, parlano solo in funzione del segno zodiacale di nascita.

Alla luce della mia esperienza posso affermare che appartenere a un segno oppure a un altro, poco importa nel contesto generale dell’Astrologia. Dire di essere dei Gemelli o di essere dei Pesci, tanto per fare un esempio, ha lo stesso significato di affermare di essere italiano o inglese. E se da una parte questa affermazione può definire una cultura di provenienza, dall’altra non potrà assolutamente definire l’intimità della personalità. 

Sempre basandomi sulla mia esperienza personale, posso assicurare che non esiste un oroscopo uguale a un altro, come non esiste una persona uguale a un’altra, ci mancherebbe. Possono esistere certamente delle somiglianze ma ognuno di noi differisce dagli altri, ognuno di noi ha delle specifiche qualità che lo rendono unico. Infatti, per calcolare e poter disegnare un oroscopo, cioè il grafico della posizione dei pianeti al momento della nascita (il Tema Natale), abbiamo bisogno di conoscere il giorno, il mese, l’anno, l’ora e il luogo dove questa è avvenuta.

C’è poi bisogno di interagire e confrontarsi con la persona che viene a chiedere il consulto, dal momento che l’educazione ricevuta, l’ambiente in cui si è vissuto e le scelte fatte nella vita concorrono a formare la personalità, un elemento essenziale per interpretare il Tema Natale al meglio. Come non andiamo dal medico dicendogli solo che stiamo male ma cerchiamo di definire nel miglior modo possibile i sintomi del nostro malessere, allo stesso modo non possiamo andare dall’Astrologo sperando nelle sue doti divinatorie che, di certo, non ha.

L’Astrologo, infatti, non è un mago né tantomeno un veggente e vi invito a diffidare di chi sostiene di esserlo. 

Un consulto astrologico ha molto a che fare con la psicologia, e infatti ci sono sempre più Astrologi che hanno una laurea in psicologia. Le due scienze, Psicologia e Astrologia, hanno molto in comune perché, entrambe, si avvalgono del linguaggio dei simboli e degli archetipi. 

Carl Gustav Jung è stato psichiatra, psicoanalista, antropologo e filosofo svizzero; una delle principali figure intellettuali del pensiero psicologico, psicoanalitico e filosofico mondiale. Jung, oltre ad interessarsi di Psicologia (famosa la sua collaborazione con Sigmund Freud e relativa separazione), ha indagato a fondo nel mondo che viene definito “esoterico” applicando molti concetti della psicologia all’Astrologia e viceversa. 

Spero che ora possa risultare più chiaro l’errore di base che si commette quando si pensa di definire il carattere o la personalità di qualcuno basandosi esclusivamente sul suo segno zodiacale di nascita. Purtroppo, questa abitudine sostenuta quotidianamente anche dalle notizie che danno giornali e televisione, è troppo ancorata in tutti e, come ho già detto, a nessuno interessa fare chiarezza.

Se l’Astrologia è uno strumento per aiutarci a vivere meglio o a seguire le nostre predisposizioni, ha bisogno di essere usata bene, altrimenti può anche causare dei danni.

Other Articles